I bambini hanno davvero bisogno di creatività?

Home page  /  I bambini hanno davvero bisogno di creatività?

I bambini hanno davvero bisogno di creatività?

29 Apr 2019 - News

Nella scuola primaria si fa largo uso delle schede da compilare, ma il concetto di “scheda didattica” funziona per tutte le discipline?

Nell’esercizio di matematica, dove c’è scritto 2+2= … il bambino deve sapere che c’è un solo risultato possibile, e inserire quello giusto. In questo caso la scheda è uno strumento molto valido.

Aiuta a fissare i concetti e a controllare se si è capito il meccanismo dell’addizione, in quanto il risultato è univoco e facilmente confrontabile.

L’emisfero sinistro del cervello, quello logico, si troverà a suo agio e verrà stimolato ad entrare nello schema attivandosi nel modo giusto. Questo aiuterà a creare un comportamento ripetuto automatico che si protrarrà avanti negli anni. Di conseguenza tutte le volte che il bambino, successivamente, penserà “2+2” il risultato sarà istantaneo, senza più bisogno di contare con le dita.

Ma come evitare di formare adulti che non sono in grado di uscire dagli schemi e rimangono impigliati in forme mentali strette costruite durante i primi anni di scuola?

C’è la necessità di sviluppare anche l’altro lato del cervello, l’emisfero destro, quello cosiddetto “creativo”. Dobbiamo permettere la creazione del pensiero laterale, un modo di risolvere i problemi più fluido e versatile.

Quindi? Sviluppiamo la creatività!

Affianchiamo altri strumenti alle schede da compilare, e proponiamo anche progetti creativi, che prevedano più soluzioni diverse a partire da un unico tema. La sfida non è più “azzeccare la risposta” ma trovare la soluzione migliore, più originale e più divertente. Perchè nella vita è così, la scienza ci insegna che il nostro sistema di adattamento funziona inquesto modo: sopravvive chi sa cambiare in accordo con gli eventi esterni. Non sempre si possono applicare gli stessi schemi ad ogni cosa. Lasciamo le schede univoche da compilare alla matematica e spostiamoci verso qualcosa di più fluido.

Al Laboratorio Artistico, occupandomi di arte con bambini e adulti, ho sviluppato un modo diverso di lavorare.

Forse vi servirà sapere che io sono un’illustratrice editoriale, il mio lavoro è quello di inventare immagini, e devo essere creativa in maniera funzionale ogni giorno, anche quando non c’è la cosiddetta “ispirazione”, perchè in questo consiste il mio mestiere, e non può essere svolto solo ogni tanto.

Devo trovare SEMPRE la soluzione più originale e accattivante, molto spesso a partire da concetti semplici, se vogliamo banali, perchè questo ci si aspetta da un creativo di professione: una proposta diversa da tutte quelle già viste prima.

Ho sviluppato alcuni trucchi del mestiere che condivido volentieri con chi viene da me a seguire dei corsi.

Perciò voglio parlarvi delle mie MATRICI INTERATTIVE, sapete cosa sono?

– non le solite schede
– non le solite fotocopie da colorare
una concezione nuova di traccia creativa da seguire per reinventare un progetto più e più volte, per sviluppare la capacità di pensiero laterale.
Una soluzione che ho pensato per i bambini, per superare facilmente il “panico da foglio bianco” accendendo la fantasia.

Ho pensato a questo espediente, prendendo spunto da quello che usano i professionisti per avviare il processo creativo in caso di “vuoto”.

Il trucco è non partire da zero, ma da una traccia che ci aiuti senza costringerci troppo, in modo che il nostro emisfero destro riceva il LA per attivarsi e cominciare a risuonare in accordo con il progetto che abbiamo proposto, il resto verrà da solo…

 

Non dimenticate di dare un’occhiata ai corsi completi di arte e immagine: percorsi annuali divisi per fasce d’età, per fare arte con i bambini.

risorse didattiche arte

Arte e Immagine per la scuola

Sul portale troverai tante risorse didattiche per la scuola primaria e dell’infanzia, per aiutare il lavoro di ogni maestra o genitore che vuole fare arte con i bambini!

 

Buona Arte a tutti!

Carla

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,